Home News Finanza Mastercard vede il futuro delle criptovalute? Parla l’azienda

Mastercard vede il futuro delle criptovalute? Parla l’azienda

criptovalute mastercard

In un’intervista rilasciata al Financial Times, Mastercard ha sorprendentemente lasciato la porta aperta alle criptovalute. L’azienda, insieme a Visa, rappresenta il pilastro dei circuiti di pagamento tramite carta di credito e non solo. Il fatto che sia una voce così autorevole del mondo della finanza tradizionale a parlare sfida duramente gli scettici delle criptovalute.

A parlare con il noto giornale di finanza newyorkese è stato uno dei senior executive dell’azienda, il quale ha mantenuto toni possibilisti nel corso di tutta l’intervista. Attenzione però a non fraintendere le parole del manager di Mastercard, che in realtà non risparmia una sferzata al mondo delle criptovalute come oggi è concepito.

“Se i governi volessero creare delle proprie criptovalute, saremmo felici di guardare ad esse in un modo più favorevole [rispetto alle criptovalute attuali]”

criptovalute mastercard

Banche centrali alla riscossa con le criptovalute?

Parrebbe proprio che in casa Mastercard si veda già un futuro per le criptovalute in cui a dominare la scena sono le banche centrali dei singoli Stati. Questo difficilmente può conciliarsi con lo spirito stesso della decentralizzazione, da sempre baluardo di anonimato e mancanza di unità al comando. É vero che alcune nazioni, come la Svezia, si sono già rese aperte ad un’eventuale introduzione di un conio digitale; dall’altra parte la community che realmente ha inteso lo spirito delle crittomonete non accetterebbe mai una situazione simile.

La domanda a questo punto sorge spontanea: cosa sarà di Bitcoin, di Ethereum di Dash e degli altri asset su cui le persone hanno investito nel caso in cui fossero le banche sovrane a emettere criptovalute? Probabilmente la spinta pubblica verso l’affossamento di questi asset aumenterà, in modo da eliminare l’anonimato dalle transazioni e favorire la trasparenza fiscale.

Terra bruciata e incoerenza

In ultima analisi, le dichiarazioni del management di Mastercard non sono affatto un’apertura verso le criptovalute. Sono una dichiarazione d’intenti piuttosto palese: qualora fossero le banche centrali ad emettere criptovalute, e solo in questo caso, Mastercard sarebbe pronta a sedersi al tavolo dei vincitori.

Il ragionamento dell’executive che ha parlato con il Financial Times è tanto egoistico quanto comprensibile in ottica aziendale. Ma Mastercard, Visa e gli altri colossi dei metodi di pagamento stanno realmente girando le spalle alle criptovalute? Sembrerebbe essere così, ma solo a parole. Negli ultimi anni si sono moltiplicate le carte prepagate ricaricabili che questi grandi players hanno introdotto affiliandosi agli exchange di criptovalute; sono carte “brandizzate” a tutti gli effetti, che garantiscono una solida base monetaria agli exchange ed introiti ai creatori delle carte stesse.

Ancora una volta la finanza tradizionale ha ragionato in ottica sovranista e centralizzata, mentre il mondo si adegua pian piano all’idea che con l’avvento della tecnologia blockchain le cose cambieranno. Avere il controllo totale dell’economia, tracciare le transazioni dei privati e mantenere l’oligarchia per i grandi nomi finanziari non sarà più così semplice.

Ti ricordiamo che, sia che tu voglia fare un investimento di lungo termine sia che tu voglia fare trading e speculazioni rapide, attraverso broker seri e approvati dalla Consob come Plus500 potrai investire sulle criptovalute decentralizzate. Questo broker, così come eToro, accetta ovviamente depositi e prelievi anche tramite Mastercard; pare che, quando ci sono delle transazioni da regolare, il produttore di carte di credito non sia poi così restio ad inserirsi nel contesto!