Home Guide di Trading e Criptovalute Investire sullo zucchero: consigli per fare trading

Investire sullo zucchero: consigli per fare trading

investire sullo zucchero

Quando si punta a fare trading online, ci si chiede spesso come investire nello zucchero. Le commodities rappresentano un’ottima soluzione per operare sui mercati. Se vuoi sapere come gestire il tutto e scoprire quali broker considerare per le tue operazioni, leggi la guida che abbiamo preparato per te, che contiene consigli pratici immediatamente applicabili per fare trading su questa materia prima.

Investire sullo zucchero: ecco cosa sapere

Al giorno d’oggi, è molto comune la scelta di investire sullo zucchero. Il mercato di questa materia prima, però, non è sempre stato fiorente come negli ultimi decenni. Lo zucchero, infatti, è molto utilizzato sia per scopi alimentari, sia per motivi industriali.

Perché conviene investire sullo zucchero? La prima cosa da dire, è che il trading sullo zucchero rappresenta un’ottima soluzione per chi vuole speculare a breve termine. Lo zucchero, inoltre, mantiene una correlazione bassa con l’andamento del prezzo azionario.

Da ricordare, inoltre, è che il prezzo dello zucchero non risulta particolarmente soggetto all’andamento dell’inflazione. Grazie a queste peculiarità, lo zucchero può essere considerato un’ottima alternativa per chi vuole fare trading in maniera organizzata e consapevole.

Strumenti per investire nello zucchero: cosa sapere sugli ETF

Cominciamo a parlare degli strumenti utili per investire sullo zucchero. Iniziamo dagli ETF. Tra le opzioni che possono essere scelte dagli investitori, è possibile ricordare iPath Dow Jones, così come UBS Sugar ETN (SGG).

Quelli appena ricordati sono nome di ETF, ossia fondi d’investimento negoziati in Borsa come azioni e aventi come obiettivo la replica dell’indice al quale si riferiscono.

Futures sullo zucchero

Quando si parla di trading sullo zucchero, è necessario chiamare in causa anche i futures. In questo caso, abbiamo a che fare con contratti derivati negoziati sui mercati regolamentati. I futures sono contratti simmetrici. In questo caso, infatti, tutti e due i contraenti devono effettuare obbligatoriamente una prestazione a scadenza.

Azioni di realtà che operano nel settore dello zucchero

Un’altra soluzione per investire sullo zucchero non riguarda direttamente la materia prima. Al centro dell’attenzione, infatti, possono esserci investimenti indiretti sulle realtà aziendale che operano nel settore legato a questa materia prima. Nello specifico, si tratta di aziende che si occupano di produzione ed estrazione di zucchero.

A tal proposito, è bene ricordare che le realtà in questione sono molto poche. Sentiamo tanto parlare di compagnie che si occupano dell’estrazione del petrolio. Meno di quelle che fanno lo stesso con lo zucchero.

Trading sullo zucchero con i CFD

Parliamo ora dei CFD. Di cosa si tratta? Di un’ulteriore alternativa per fare trading sullo zucchero. Acronimo per Contracts for Difference, i CFD sono strumenti derivati che consentono di replicare l’andamento di un asset. Il trader può trarre profitto dalle loro variazioni di prezzo senza bisogno di acquistare effettivamente l’asset.

In questo modo, è possibile concretizzare diversi vantaggi. Prima di tutto, ci si tutela dalla volatilità. In secondo luogo, si risparmiano soldi e tempo. I CFD, inoltre, sono molto economici. Il loro unico onere economico, infatti, è lo spread, ossia la differenza tra bid e ask.

Tutto questo, però, ha un rovescio della medaglia. Si tratta della leva finanziaria. Questo moltiplicatore, prevede la possibilità di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella del deposito iniziale.

Dove sta il problema? Nel fatto che la leva amplifica sia i guadagni, sia le perdite. Per questo motivo, è il caso di avere estrema confidenza con i meccanismi di stop loss, ossia il segnale che viene dato al broker quando è necessario arrestare le perdite.

Cosa influenza il mercato dello zucchero

Prima di parlare dei broker migliori per fare trading sullo zucchero, è il caso di chiamare in causa i fattori che ne influenzano il prezzo. Il primo aspetto da ricordare a tal proposito è la scorta globale. Da diverso tempo a questa parte, assistiamo infatti a un surplus di produzione. Questo porta a un abbassamento sistematico dei prezzi.

investire sullo zucchero

Molto importanti sono anche le prospettive di consumo. Il calo di consumo, realtà innegabile in questi ultimi anni anche per via delle politiche sanitarie internazionali, è senza dubbio una spada di Damocle sul prezzo dello zucchero.

Per quel che concerne i mercati specifici, ricordiamo che è molto importante tenere sotto controllo la situazione del Brasile e della Cina. Si tratta infatti del primo e del terzo produttore mondiale di zucchero.

Gli eventi che riguardano questi Stati, sono fondamentali per avere un polso efficace della situazione della materia prima in questione.

Broker per fare trading sullo zucchero

Sono diversi i broker che consentono di fare trading sullo zucchero. Tra questi, è possibile ricordare Plus500. Online dal 2008, questa piattaforma permette di fare trading su diversi asset. Nel novero, sono comprese pure le materie prime, zucchero incluso.

Quali sono le altre?

  • Petrolio
  • Gas naturale
  • Brent oil
  • Palladio
  • Grano
  • Rame
  • Grano
  • Rame
  • Caffè
  • Soia
  • Cacao
  • Benzina
  • Cotone
  • Bovini vivi

Grazie a Plus500, è possibile sfruttare le loro variazioni di prezzo e fare trading con i CFD. Ovviamente, tramite questa piattaforma si ha modo anche di fare trading sullo zucchero. Per mettersi alla prova in maniera seria, è il caso di aprire un conto demo.

Cosa bisogna fare per attivarlo? Prima di tutto accedere alla home page. In secondo luogo, cliccare sul pulsante che presenta la scritta “Inizia a fare trading adesso”. Una volta superato questo step, ci si trova davanti a una schermata che consente di scegliere tra conto demo e conto con denaro reale. Nel primo caso, ricordiamo che si parla di un’opzione illimitata. Questo non significa che si possa considerare una soluzione perenne.

Dopo qualche ora di prova, infatti, bisognerebbe aprire il conto con denaro reale. Nel caso di Plus500, iL deposito minimo è pari a 100 euro.

eToro

Quando si parla di trading sullo zucchero, è necessario chiamare in causa anche eToro. Chi vuole operare su questa materia prima, può farlo grazie a un broker che ha rivoluzionato totalmente il mondo del trading online.

eToro, infatti, si contraddistingue per l’approccio social. Grazie a questa peculiarità, è possibile condividere con gli altri utenti, tramite un profilo gratuito, le proprie strategie e i risultati ottenuti.

investire sullo zucchero

Un’altra caratteristica importante di questo broker riguarda il CopyTrading. Ogni singolo trader, infatti, ha la possibilità di copiare gli investitori migliori, partendo proprio dall’analisi dei loro risultati. I trader che vengono copiati automaticamente guadagnano, mentre chi copia ha modo di migliorare partendo da evidenze concrete.

Anche su eToro è possibile aprire un conto demo per capire come investire al meglio sullo zucchero. In questo caso, basta accedere alla home e cliccare su “Iscriviti subito”. Dalla schermata principale del conto demo, per la precisione dal menu a sinistra, si può accedere alla sezione “Persone”.

La suddetta, comprende i principali guru, che possono essere selezionati sulla base di diversi criteri. Tra questi, sono compresi pure i mercati di interesse, come per esempio quello delle materie prime, indi anche lo zucchero.

Grazie alla sezione “Persone” del conto demo, è possibile familiarizzare con le schede dei singoli investitori, che presentano informazioni dettagliate sui risultati degli investimenti nel corso del tempo.

Anche in questo caso, il conto demo non deve essere considerato un’opzione perenne. Dopo qualche ora, infatti, è consigliabile aprire il conto con denaro reale. In questo caso, è necessario effettuare un deposito minimo di 200 euro e ricordare che questo denaro viene custodito su conti diversi rispetto a quelli della società. In questo modo, il gruppo tutela gli investitori in caso di problemi relativi al broker.