Home Guide di Trading e Criptovalute Ethereum, guida completa alla criptovaluta degli smart contracts

Ethereum, guida completa alla criptovaluta degli smart contracts

Ethereum broker online cfd
Ethereum è la seconda criptovaluta più capitalizzata del mondo e molti credono in un futuro sorpasso ai danni di Bitcoin

Ethereum è stato proposto alla fine del 2013 da Vitalik Buterin, un ricercatore e programmatore di criptovalute. Lo sviluppo è stato finanziato da una vendita al pubblico online che si è svolto tra luglio e agosto 2014. Il sistema è diventato operativo il 30 luglio 2015. Nel 2016, a seguito del crollo del progetto DAO, Ethereum è stato diviso in due blocchi separati: la nuova versione Ethereum (ETH) e l’originale conosciuta come Ethereum Classic (ETC). Il valore della sua valuta è cresciuto del 13.000 percento nel 2017.

Per comprendere appieno questa piattaforma, che cosa fa e in che modo può avere un impatto potenziale sulla nostra società, è importante imparare quali sono le sue proprietà principali e in che modo differisce dagli approcci standard.

Se vuoi cogliere occasioni di trading online su Ethereum, sia a rialzo che a ribasso, alcuni ottimi broker italiani offrono condizioni vantaggiose: spread bassi, leva finanziaria fino a 1:5 e nessuna commissioni su depositi e prelievi. I più consigliati sono 24Options ed eToro.

Ethereum broker online cfd
Ethereum è la seconda criptovaluta più capitalizzata del mondo e molti credono in un futuro sorpasso ai danni di Bitcoin

Che cos’è Ethereum e in che modo è una criptovaluta

Prima di tutto, Ethereum è un sistema decentralizzato, il che significa che non è controllato da una singola entità governativa come un server. La maggioranza assoluta dei servizi online, dai siti aziendali ai social network, è costruita su un sistema centralizzato di governance. Questo approccio è stato usato fino ad oggi in assenza di un metodo alternativo, ma implica alcuni problemi. Primo fra questi, l’esistenza di un ente che controlla tutto il flusso di dati della rete e che può dettare le regole della rete.

Ethereum, essendo un sistema decentralizzato, è completamente autonomo e non è controllato da nessuno. Non ha un punto centrale di riferimento, poiché è sostenuto da migliaia di utenti in tutto il mondo, il che significa anche che non può mai andare offline. Inoltre, le informazioni personali degli utenti rimangono sui propri computer, mentre i contenuti come app e video rimangono dei propri creatori, senza dover rispettare i dettami imposti dai servizi di hosting come App Store e YouTube.

In breve, Ethereum è una piattaforma software pubblica, open source, basata su blockchain che consente agli sviluppatori di creare e distribuire applicazioni decentralizzate.

Come è stato menzionato in precedenza, Ethereum è un sistema decentralizzato, il che significa che utilizza un approccio peer-to-peer. Ogni singola interazione avviene tra ed è supportata solo dagli utenti che vi prendono parte, senza che sia coinvolta alcuna autorità di controllo.

L’intero sistema è supportato da un sistema globale di cosiddetti “nodi”. I nodi sono volontari che scaricano l’intera blockchain di Ethereum sui loro desktop e applicano pienamente tutte le regole di consenso del sistema, mantenendo la rete sicura e ricevendo ricompense in cambio. Le regole di consenso, oltre a numerosi altri aspetti della rete, sono dettate dai “contratti intelligenti” o smart contracts: veri e propri contratti in grado di regolarsi da soli, applicabili in qualsiasi scambio patrimoniale.

In tutto questo sistema viene utilizzata un’unica valuta, gli Ether (simbolo ETH). Questa criptovaluta è l’unico modo con cui partecipare attivamente alla rete e si può fare trading su di essa usando qualsiasi broker affidabile di CFD come Plus500.

Differenze tra Ethereum e Bitcoin

È importante capire che, anche se costantemente confrontati tra loro, Ethereum e Bitcoin sono due progetti completamente diversi con obiettivi completamente diversi. Bitcoin è la prima criptovaluta e sistema di trasferimento di denaro, costruito e supportato da una tecnologia di contabilità pubblica distribuita chiamata blockchain.

ethereum o bitcoin quale comprare
Ethereum è un sistema più avanzato ed integrato di Bitcoin sotto ogni punto di vista

Ethereum, smart contracts e app decentralizzate

Ethereum utilizza la stessa tecnologia che sta alla base di Bitcoin e sostanzialmente ne ha ampliato le prospettive. È un’intera rete, con il proprio browser Internet, la lingua di codifica e il sistema di pagamento; soprattutto consente agli utenti di creare applicazioni decentralizzate e contratti intelligenti.

Queste applicazioni decentralizzate possono essere idee completamente nuove o rilavorazioni decentralizzate di concetti già esistenti. Questo essenzialmente elimina l’intermediario e tutte le spese associate al coinvolgimento di una terza parte. Infine, queste applicazioni rimuovono tutti i tipi di pagamenti a terze parti per affascinare qualsiasi tipo di servizio.

Gli smart contracts utilizzano applicazioni alimentate da Ether e archiviate in blockchain per la negoziazione e l’agevolazione dei contratti. Il vantaggio di questi contratti è che la tecnologia blockchain fornisce un modo decentralizzato per verificarli e rafforzarli. L’aspetto decentralizzato rende incredibilmente difficile la frode o la censura. L’obiettivo è infatti quello di fornire maggiore sicurezza rispetto ai contratti tradizionali e abbattere i costi associati.

Ethereum consente di creare token digitali che possono essere utilizzati per rappresentare condivisioni virtuali, risorse, prove di iscrizione per molti scopi. Alcuni esempi sono la rappresentazione di azioni, i voti su base democratica e persino la raccolta di fondi. Questi contratti intelligenti sono compatibili con qualsiasi portafoglio.

Ethereum batte Bitcoin anche nei dettagli

Ci sono anche molti aspetti minori che differiscono tra i due progetti basati sulla tecnologia blockchain. Il tempo di blocco medio di Bitcoin è di circa 10 minuti, mentre quello di Ethereum è di 12 secondi. Questo rapido tempo è abilitato dal protocollo GHOST. Un tempo di blocco più veloce significa che le conferme delle transazioni sono più veloci. Un’altra differenza fondamentale è la loro base monetaria. Più dei due terzi di tutti i Bitcoin disponibili sono già stati minati; Ethereum ha invece aumentato il suo capitale di lancio con una prevendita e solo la metà delle sue monete saranno minate entro il suo quinto anno di esistenza.

In Bitcoin, le transazioni sono limitate dalla dimensione del blocco e competono in modo uguale l’una con l’altra. Ethereum dispone del proprio codice interno completo di Touring, il che significa che qualsiasi cosa può essere calcolata con sufficiente potenza di calcolo e tempo sufficiente. Bitcoin non ha questa capacità.

Comprare Ethereum, perché usare i CFD

Per acquistare direttamente Ether è necessario avere un proprio wallet. Successivamente, basterà scambiare la propria moneta tradizionale attraverso un exchange. Il consiglio, tuttavia, è quello di utilizzare i CFD per usufruire di migliori condizioni di acquisto. Con i CFD, infatti:

  • Non si acquista direttamente Ethereum, ma dei contratti che hanno il medesimo valore di Ethereum in ogni istante
  • Grazie alla trasformazione di Ethereum in derivati, i CFD possono essere negoziati con commissioni minime e sfruttando la leva finanziaria dei broker online
  • Mentre gli exchange sono siti spesso vittime di hacker e scandali finanziari, i broker CFD sono regolamentati direttamente dalla CONSOB
  • Non è necessario comprare un hardware wallet e si può contare su liquidità immediata ed infinita dalla controparte

Fare trading online su Ethereum, scegliere il broker e come negoziare

Plus500 etoro ethereum
Per fare trading online su Ethereum conviene rivolgersi ad uno dei due broker

Il modo migliore per guadagnare tramite Ethereum è sicuramente il trading online. Bisogna però dire che le monete digitali sono strumenti molto volatili: per questo motivo occorre stare attenti a quando prendere e lasciare una posizione. Si raccomanda sempre di fare trading con broker affidabili, come ad esempio eToro, che rispondono ad una serie di caratteristiche.

  • La prima è quella di vantare una licenza CONSOB, massima autorità italiana preposta alla vigilanza sui mercati finanziari. Essa rilascia licenze per operare nel nostro Paese a quei broker che operano in trasparenza
  • Un broker deve offrire un conto demo per permettere anche al trader alle prime armi di fare pratica senza rischiare soldi veri. Non deve inoltre prevedere commissioni e deve presentare spread convenienti
  • Deve offrire una formazione continua e un servizio di assistenza clienti.
  • I grafici devono essere chiari e le informazioni sulle principali notizie della giornata borsistica devono essere aggiornate.

Una volta aperto il sito di eToro o Plus500, non rimane altro che fare la registrazione. Si può partire direttamente con un conto reale o, se non ci si sente pronti, con un conto demo. In ogni caso sarà necessario cliccare sul tasto “Registrati” e portare a termine la procedura di registrazione.

Una volta inserite tutte le informazioni richieste, prima di sbloccare i limiti del conto occorre un’ulteriore verifica. Le normative europee, infatti, prevedono che l’utente invii una foto della propria carta d’identità ed una verifica dell’indirizzo al broker. La procedura è guidata e i dati personali verranno trattati con la massima riservatezza, sempre secondo quanto disposto dalla legge e verificato quotidianamente dalla CONSOB.

Una volta portata a termine anche la procedura di verifica si potrà procedere con il primo deposito. Sia Plus500 che eToro accettano tutti i principali metodi di pagamento, non prevedono commissioni sul deposito e l’operazione viene eseguita immediatamente.

Per comprare o vendere allo scoperto Ethereum non rimane che selezionare la categoria “Cripto” dai numerosi asset presenti, identificare la coppia “ETH/USD” (il dollaro americano è sempre scelto come riferimento) ed aprire una posizione tramite i tasti “Compra” o “Vendi”. Il broker farà poi comparire una finestra con i principali dati dell’ordine, in modo che l’utente possa verificare la correttezza di quel che sta facendo e selezionare l’importo della posizione. Una volta confermata l’apertura, la procedura di acquisto o vendita allo scoperto di Ethereum sarà conclusa.