Home Guide di Trading e Criptovalute Bitcoin, cos’é e come guadagnare legalmente con il trading

Bitcoin, cos’é e come guadagnare legalmente con il trading

Se quando senti parlare di bitcoin entri in confusione, sappi che non sei da solo. La valuta virtuale é stata causa di numerose controversie e tutt’oggi non é ancora ben compresa da gran parte della popolazione. Di cui a breve non farai più parte: dopo aver letto questa guida infatti, le criptovalute per te non avranno più segreti.

Bitcoin è una nuova valuta creata nel 2009 da una persona che ha voluto usare uno pseudonimo per non mostrarsi al mondo: tale Satoshi Nakamoto. Ancora oggi nessuno é riuscito a svelare chi si nasconda realmente dietro questo alias.

satoshi nakamoto bitcoin

Indice:

  1. Caratteristiche principali
  2. È lecito?
  3. Trading online con i bitcoin
  4. Guadagno assolutamente legale
  5. Posizione short e long

Caratteristiche principali

Il bitcoin ha alcune peculiarità che la differenziano dalle altre valute:

  1. È completamente digitale. Non esiste una banconota o una moneta bitcoin. Non ha un supporto fisico, non puoi toccarla né metterla nel portafoglio o salvadanaio. Un bitcoin é una valuta digitale che può essere inviata telematicamente da un utente all’altro, ovunque essi siano. Ogni bitcoin attualmente, vale all’incirca 8.000 euro, ecco perchè può essere diviso in ben otto posizioni decimali: 0,00000001 Bitcoin é la più piccola frazione di un Bitcoin e si chiama Satoshi (come il suo inventore).
  2. È decentrata. Ti farà piacere sapere che non c’è nessun autorità governativa a coniare, controllare e gestire i bitcoin. Non sono legati a nessun paese e quindi non soggetti ad alcuna regolamentazione. A differenza dei circuiti che sicuramente conosci, come Visa o Mastercard, la rete Bitcoin non é gestita da alcun circuito aziendale, ma da una rete di computer collegati nel mondo, che tiene traccia di tutte le operazioni effettuate. Un po’ come Wikipedia, che é una grande enciclopedia decentralizzata di scrittori ed editori.
  3. Le commissioni di transazione sono minime. La tua banca ti addebiterebbe qualche euro (e anche più) per un bonifico internazionale, vero? Con il bitcoin no, non ci sono intermediari bancari.
  4. È veloce. Puoi trasferire bitcoin in tutto il mondo, dal Polo Nord al Polo Sud nel giro di qualche minuto.
  5. Il suo uso é in aumento. Vari commercianti stanno iniziando ad accettare bitcoin in maniera più spensierata rispetto al passato: è possibile acquistare servizi di web hosting, una cena al ristorante e persino una seduta dal dentista. Almeno in questo senso, somiglia agli euro, i dollari, gli yen tradizionali (tra l’altro anche questi sono scambiati digitalmente, ma sempre tramite le banche).
  6. E’ sicura e privata. Le transazioni avvengono senza intermediari (senza banche, come ti ho detto poc’anzi), non c’é alcun costo di transazione e non occorre neanche dare il tuo nome o altre informazioni personali. Però…
  7. E’ completamente trasparente. La rete Bitcoin controlla ogni singolo dettaglio della transazione e lo memorizza in una sorta di libro di contabilità generale enorme, chiamato blockchain. La blockchain può dire tutto di quella transazione: semplicemente non si sa chi l’abbia compiuta.

Come vedi il bitcoin é una moneta che ha molto da fare e, per tutte queste sue caratteristiche, fa parte delle cosiddette criptovalute.

È lecito?

Certo che lo é. Operare con i bitcoin é assolutamente lecito, così come lo è avere euro o dollari in tasca: é solo una moneta ed é come la usi che determina la liceità o meno delle tue operazioni. Dato che nelle transazioni con bitcoin non occorre neanche dare il proprio nome, né ci sono intermediari pronti a carpirli, come puoi immaginare, i criminali non hanno perso tempo a cogliere questa occasione. Per esempio, nel 2011 fece scalpore la notizia dei trafficanti di droga che effettuavano pagamenti in bitcoin su Silk Road, un sito e-commerce della dark web oggi chiuso.

Per il governo, risalire all’identità di chi effettua le operazioni é pressocchè impossibile: portafogli e transazioni sono archiviati su computer sparsi nel mondo (si contano quasi 10.000 pc) e quand’anche qualche stato li rendesse illegali, essi continuerebbero a vivere su computer in altri paesi: é una diretta conseguenza della natura decentralizzata di questa criptovaluta, governi volenti o nolenti.

Fortunatamente, solo una piccola percentuale di tutte le transazioni effettuate su rete Bitcoin é illegale. La maggior parte delle transazioni é effettuata da persone normalissime che comprano e vendono bitcoin in Borsa, speculando sui prezzi futuri. Esattamente come avviene con le azioni o con il forex.

Trading online con i bitcoin

So che sei rimasto impressionato quando ti ho svelato che un solo bitcoin vale più di 8.000 euro, ma non credere che sia così facile ottenerli. In questo momento, varie persone in tutto il mondo sono al lavoro per “estrarre” bitcoin risolvendo complessi enigmi matematici tramite computer. Ecco come vengono creati i bitcoin: per dirla in parole semplici, sono dei “premi” che si ottengono quando il computer connesso alla rete Bitcoin riesce a risolvere dei calcoli matematici di una complessità inaudita. Per farti un esempio: un tempo per fare le monete si usavano oro e argento, i bitcoin invece vengono sfornati con la matematica.

Si dice che ogni dieci minuti qualcuno nel mondo viene premiato con 25 bitcoin (lascio a te fare i conti di quanto valgano 25 bitcoin…). Purtroppo però, crearli é difficilissimo per un comune mortale, anzi, oserei dire impossibile (leggi il mio post su cosa sono le criptovalute per capire come si creano e quest’idea ti passerà in un batter d’occhio).

Ciò nonostante, il mercato dei bitcoin può diventare una fonte di guadagno per chiunque, anche per chi ha conoscenze informatiche più che scarse.

Guadagno assolutamente legale

Il bitcoin è una criptovaluta, ma poiché le criptovalute sono monete molto recenti, la mancanza di conoscenza e informazioni al riguardo ne rende difficile il commercio. Diverso é il discorso per il trading: per fare trading online sulle criptovalute non hai bisogno di possederle, ma devi semplicemente considerarle come se fossero oro, argento, oppure euro, dollaro o sterline e scommettere sul rialzo o ribasso del prezzo (quotazione).

Per capire come fare trading e poi passare all’azione, hai bisogno di una piattaforma di trading, grazie alla quale:

  • Conoscere il prezzo del bitcoin in tempo reale;
  • Consultare grafici e indici per comprendere meglio l’andamento del prezzo del bitcoin e fare le tue previsioni;
  • Scommettere sull’andamento del prezzo del bitcoin.

Grazie alla presenza di conti demo, puoi iscriverti al sito e iniziare a operare nel mercato con dei soldi figurativi, non reali. Ti renderai subito conto che usare le piattaforme trading é molto semplice: in definitiva devi solo scegliere tra acquisto o vendita, a seconda che tu ipotizzi un aumento o una diminuzione del valore della criptovaluta.

Posizione Short e Long

Quando ti senti sicuro puoi aprire il tuo conto reale. Dopo aver creato e finanziato un account, devi capire se comprare e vendere, se il prezzo dei bitcoin è in aumento (trend rialzista) o in calo (trend ribassista), ecc.

Se ipotizzi che il valore del bitcoin scenderà, devi vendere (in gergo si dice che sei in posizione short);

Se ipotizzi che il valore del bitcoin aumenterà, devi acquistare (in gergo si dice che sei in posizione long).

Il tuo guadagno dipende dall’esattezza della tua previsione. Ecco perché é molto importante conoscere bene il mercato e osservarlo. Le piattaforme di trading ti aiutano proprio in questo: ogni giorno puoi consultare la quotazione dei bitcoin in tempo reale e confrontare i prezzi di oggi con quelli di ieri e di qualsiasi altro arco temporale precedente, per capire se il trend é rialzista o ribassista. E nella tua prossima mossa, fare la scelta più azzeccata.